Presidente: 20 presenti la seduta è valida, nomino scrutatore Sforza Gino, Balducci Quinto e Bonafoni Giancarlo, sono le ore 14. 56 la seduta può iniziare visto




Yüklə 335.58 Kb.
səhifə1/9
tarix21.04.2016
ölçüsü335.58 Kb.
  1   2   3   4   5   6   7   8   9
APPELLO
PRESIDENTE: 20 presenti la seduta è valida, nomino scrutatore Sforza Gino, Balducci Quinto e Bonafoni Giancarlo, sono le ore 14.56 la seduta può iniziare. visto quello che è successo a Barletta credo sia pensiero unanime di tutto consiglio comunale osservare un minuto di silenzio per le vittime che hanno trovato praticamente sono morte nella tragedia di Barletta.
UN MINUTO DI SILENZIO
PRESIDENTE: Consigliere Rossi per comunicazioni.
CONSIGLIERE ROSSI: Allora grazie presidente, volevo comunicare al consiglio comunale che oggi è il 120° giorno dello sciopero della fame dell'imprenditore Luciano Stopponi, siamo stati a trovarlo, un po' di tempo fa aveva iniziato anche lo sciopero della sete che fortunatamente ha interrotto, con il consigliere D'Innocenzo avevo intenzione, poi lo potranno sottoscrivere tutti i consiglieri comunali che vorranno, di sottoporre all'attenzione del consiglio un ordine del giorno in modo tale che ci sia l’interesse del consiglio comunale su questa situazione perché in un momento di crisi come quello che sta attraversando la nostra città non possiamo lasciare indietro nessuna persona e soprattutto l'attenzione dell'amministrazione pubblica su queste cose deve essere sempre vigile, quindi ci riproporremo in seguito di presentare questo ordine del giorno e documento al consiglio, grazie.
PRESIDENTE: Consigliere Ottaviani per comunicazioni.
CONSIGLIERE OTTAVIANI: Si grazie presidente, rapidamente solo per chiedere una, per fare una segnalazione all'assessore Paglialunga, durante la raccolta da parte di Ancona Ambiente dei rifiuti nella differenziata è solito il camioncino che procede alla raccolta fermarsi a metà del ponte del cavalcavia che porta in uscita dal Borgo verso via Martiri della Libertà, il che significa che fermandosi lì le auto che vengono dalla direzione della canizza si trovano ad inchiodare per la presenza, a metà del ponte, proprio del camioncino, quindi siccome anche ultimamente c'erano, ho assistito a diverbi fra gli autisti e gli operatori, sarebbe il caso che spostassero il punto di raccolta almeno del camioncino e scendessero poi a piedi dal ponte, o viceversa salissero da viale IV Novembre, grazie.
PRESIDENTE: Grazie al consigliere Ottaviani, la parola al consigliere Latini.
CONSIGLIERE LATINI: Sono contento che sia arrivato il sindaco perché più che altro è per lui questa comunicazione, per diversi giorni sugli organi di stampa è stata presente la ricorrenza della scoperta delle grotte di Frasassi, sono stati intervistati anche alla radio eccetera, il Cai mi sembra, il Cai di Ancona, gruppo speleologico di Ancona, il gruppo speleologico di Fabriano, è stato dato ampio risalto come giustamente deve essere a questa grande scoperta che ha dato impulso al turismo nel nostro territorio, Fabriano ne ha goduto naturalmente di riflesso, quello che mi meraviglia è che un territorio come Genga dove prima della scoperta delle grotte di Frasassi, perdonatemi il termine, ma si faceva la fame, nessuno né gli organi istituzionali né scopritori i Cai eccetera, né la stessa provincia che fa parte del consorzio Frasassi ha detto una parola, ha messo in risalto l'opera fatta dal dottor Coriolano Bruffa che è stato colui a cui Genga e il territorio montano deve in toto al 100% i benefici di cui stanno godendo in questo momento.
PRESIDENTE: Consigliere Stroppa Olindo per comunicazioni.
CONSIGLIERE STROPPA: Grazie presidente, io volevo far presente all'assessore Paglialunga perché lui si occupa di ambiente e all'assessore Romani, che purtroppo non c'è, in primavera io feci un interpellanza per delle situazioni che si trovavano a Borgo Tufico, la prima è quella della strada comunale che conduce dalla frazione alla stazione dove erano stati tagliati rami dell’acacie che invadevano la strada, pensavo che poi la manutenzione fosse stata continua oggi ci troviamo nella stessa situazione di 6 mesi fa perché la crescita delle piante hanno di nuovo invaso la strada, quindi penso sia opportuno perché li siamo in un tratto pericoloso dove gente, pedoni, raggiungono la stazione dalla frazione, c'è molto traffico di macchine, quindi penso sia opportuno di nuovo ad andare a tagliare quei rami di acacia che invadono la strada, seconda cosa, sempre la frazione di Borgo Tufico, dietro mia richiesta ed interpellanza è stato istituito un divieto di sosta davanti al bar, dall'albergo del Borgo Tufico fino al bar un divieto di sosta sul lato destro andando verso Albacina, che molto spesso non viene rispettato, quindi io vorrei maggiori controlli da parte magari delle forze dell'ordine dal momento che in quell'area adesso, in quella strada, c'è un forte traffico di mezzi pesanti per i lavori che si stanno effettuando per la realizzazione della galleria li a Borgo Tufico, quindi molto spesso le macchine sono in divieto di sosta su quel lato dove è stato istituito il divieto di sosta, terza cosa era stato richiesto di ridisegnare gli attraversamenti pedonali soprattutto all'altezza del bar cosa che non è stata fatta, quindi io mi auguro che presto queste situazioni vengano messe a norma, grazie.
PRESIDENTE: Grazie al Consigliere Stroppa.
CONSIGLIERE TINI: presidente per cortesia fai il presidente dai la parola a chi deve parlare qui ci sono anche delle persone facciamo
PRESIDENTE: consigliere Tini lei intanto ha parlato senza l'autorizzazione del presidente, quindi se il presidente deve fare il presidente, allora consigliere Tini ha la parola, io lo faccio il presidente lei faccia il consigliere però
CONSIGLIERE TINI: no stava non faceva niente perché non parlava più nessuno qui scusi, allora io veramente rimango un po' allibito abbiamo l’aula, io sono arrivato insieme con questi ragazzi qui, l'aula consiliare qui piena il presidente fa finta di nulla, il presidente tranquillo va avanti per la sua strada comunicazioni, io penso che questi signori che sono qui nel rispetto della democrazia e delle posizioni di ognuno vadano ascoltati, io chiedo ufficialmente presidente, io chiedo ufficialmente in deroga anche al consiglio comunale è sovrano, io chiedo ufficialmente che gli sia data la possibilità ad un rappresentante di questi signori di poter leggere un documento, questo il consiglio comunale si deve esprimere, qualora ciò non avvenisse mi riservo di leggerlo io a nome di loro così almeno, però sarei contento che si dia la possibilità se siamo democratici di fare leggere questo documento a loro che sono venuti qui giustamente portando avanti delle posizioni, penso che il consiglio comunale su queste posizioni debba discutere come minimo, perché il consiglio comunale vi dico ufficialmente che sul discorso delle ubicazioni di queste strutture sui nostri terreni e quant'altro non ha mai preso nessuna posizione, perché il consiglio comunale è stato completamente tenuto all'oscuro di tutto, solo la giunta comunale una volta fa il progetto, poi ritira il progetto, poi rifà il progetto, tutti questi discorsi leggiamo sulla stampa, ma ufficialmente questo consiglio che è la rappresentanza suprema di questa città non ha avuto modo di esprimersi su questo fatto, perciò io penso che un ringraziamento tanto per incominciare vada fatto a questi ragazzi che oggi hanno avuto la voglia di stare qui a combattere con noi, combattere tra virgolette, portando avanti le loro giuste, o ritenute da loro giuste istanze, poi vedremo dibatteremo e discuteremo, perciò presidente io chiedo che il consiglio si esprima su questa mia proposta, grazie.
PRESIDENTE: Consigliere Tini io ieri ho parlato con il preside di questo istituto gli ho fatto premesso il nostro regolamento e quindi, io, ho espresso quindi al preside che non era possibile un intervento da parte, ed il preside ha capito, anzi io avevo aperto una porta un po' più ampia gli ho detto se però un gruppetto, sospendo il consiglio 10 minuti, quindi fa un incontro con il sindaco ed alcuni capigruppo per, il preside ha detto no no stanno li con i cartelli, quindi il discorso del documento il preside non me lo ha menzionato affatto, c'era con me il segretario, comunque proprio sul discorso che, però consigliere Tini lei voglio dire io non saprò fare il presidente ma lei neanche lei tanto bene il consigliere perché richiama sempre al dovere il presidente però prende la parola senza che il presidente glie l'ha data, quindi voglio dire cerchiamo di metterci d'accordo, ma perché fuori del consiglio andiamo tanto d'accordo e dentro il consiglio, ecco quindi voglio dire se io non so fare il presidente lei non sa fare il consigliere, mettiamoci d'accordo, allora, sì Urbani che avevo detto ieri sera? che il regolamento del consiglio comunale non ce lo consente adesso se il consiglio comunale che è sovrano su tutto io metto in votazione che un ragazzo legga il documento se ce l’ha, io non lo so se ce l’ha il documento, ecco quindi, allora metto in votazione, che siete tutti d’accorto va bene io però lo metto in votazione lo stesso, allora la votazione è aperta perché un ragazzo possa leggere il comunicato, è indifferente

PRESENTI

25

ASTENUTI

0

CONTRARI

0

FAVOREVOLI

25

ESITO

APPROVATO UNANIMITA’


PRESIDENTE: Hanno partecipato al voto 25 consiglieri; Voti validi 25; Astenuti: Nessuno; Contrari: Nessuno; Favorevoli 25; da parte del consiglio è stata accolta all’unanimità la possibilità di uno studente di poter leggere un documento.
PRESIDENTE: quindi chi è, Pesciarelli chi è il ragazzo che, venga, Pesciarelli venga qui il ragazzo che lo, va bene la ragazza venga qui da me dal microfono del presidente.
STUDENTESSA: Allora buongiorno a tutti innanzitutto, più che leggervi il documento che sono una serie di motivazioni insomma della nostra presenza qui oggi, che poi avrete modo penso di leggere se ne avete voglia, volevo dirvi che essendo una giovane in questa città si parla tanto di promuovere le iniziative per i giovani adesso che è venuta fuori questa cosa della casa di riposo allora togliendo terreni alla nostra scuola, la scuola è un istituzione per i giovani, è come togliere una possibilità ai giovani, un'altra possibilità ai giovani, invece di cioè accentuarne insomma il progresso, allora togliendo brevemente, il problema più grande che infligge la nostra scuola la sottrazione di questi terreno per la costruzione dell'eventuale casa di riposo, la delocalizzazione della nostra stalla che quindi andrebbe perduta, per noi non tanto i terreni ma soprattutto la stalla sono un aula didattica molto importante perché li abbiamo avuto modo di mettere in pratica le cose che abbiamo studiato nella teoria ed è questo che un istituto tecnico agrario dovrebbe fare, quella stalla ci ha dato la possibilità anche di vincere una gara morfologica tra le scuole, quindi non è stata cosa insomma credo da poco, è importante perché anche il settore agricolo che adesso è in crisi è importante insomma promuovere delle iniziative che diano impulso a questo settore e soprattutto a quello giovanile perché nella nostra scuola ci sono tante persone che hanno voglia di fare bene e non vogliono perdere la possibilità che hanno di mettere in pratica ciò che la scuola insomma da come insegnamento teorico, solo questo, più che altro non togliete una possibilità che hanno i giovani che è rimasta qua a Fabriano perché già non ce ne sono molte e togliendo anche questa, si riduce, si riducono ancora di più.
PRESIDENTE: Grazie, quindi ringraziamo la delegazione dell’istituto agrario per questa visita, quindi riprendiamo i lavori la parola al consigliere Carmenati per comunicazioni.
CONSIGLIERE CARMENATI: Proprio presidente a scottadito, come è possibile adesso, a scottadito vi spiego anche il perché insomma perché ho aperto la busta ed ho visto l'invito dell'assessore Giovanni Balducci che ha il piacere di invitarmi alla Carta e Stampa Eccellenze a Contatto, ora non lo dico per Giovanni Balducci per carità oltretutto i miei rapporti con lui sono cordiali, faccio presente che è la città di Fabriano, non si può autorizzare un assessore a fare gli inviti in questa maniera perché così, dite tutti di si è poi fate finta e vi nascondete, no non dicevo a te Roberto, qui vedo grandi assensi da parte dei consiglieri, anche quelli più autorevoli, però nessuno lo dice, effettivamente noi ci troveremo fra un po’ in una campagna elettorale e quindi ogni assessore farà questo? il presidente del consiglio farà questo? su un attimo un po' di decenza, i presidenti delle commissioni faranno questo? vi siete messi da parte i soldi per affrontare la campagna elettorale in più fate queste cose insomma c'è un limite a tutto alla decenza, ora che i cittadini debbano pagare le campagne elettorali questo è troppo.
PRESIDENTE: Consigliere Carmenati, la parola al consigliere Bellucci.
CONSIGLIERE BELLUCCI: Io presidente volevo chiedere all'assessore Mario Paglialunga ci sono amici che stanno facendo la nuova denuncia per la tassa rifiuti e mi dicono che devono passare in tre uffici distinti, piazza Garibaldi per tutto quello che è l’iter, poi deve passare all'Urp, poi deve andare all'ufficio tributi del comune, io dico che questa ragazzi veramente o facciamo apposta per dare fastidio ai fabrianesi o non fabrianesi oppure qualcosa c'è che non funziona, allora io, allora va bene io adesso se me lo dici mica mi scandalizza, però queste lamentele creare ancora più problemi ai cittadini io credo che sia demenziale, se fosse così come me l'hanno raccontata, grazie.
PRESIDENTE: Siccome è una cosa che può interessare a tutti ebbene che Paglialunga perché riguarda il compostaggio effettivamente un po' di complicazioni c'è l’ha, però non è la tassa rifiuti è per chi vi vuole beneficiare del 20% del compostaggio, quindi se l'assessore Paglialunga da questa spiegazione credo che sia opportuno.
ASSESSORE PAGLIALUNGA: No velocissimamente Roberto non è tassa dei rifiuti è che noi abbiamo fatto l’iniziativa per il compostaggio domestico dove, come il consiglio comunale sa bene perché l’ha votata il consiglio comunale su proposta di Mingarelli, che io ho proposto 15, il presidente ha voluto giustamente secondo me portarla a 20, abbiamo dato uno sconto una forma premiale ai cittadini per chi non produce organico ma fa il compostaggio domestico, ora ovviamente per questa cosa c'è da andare al C33 per ritirare la compostiera, poi per chiedere lo sconto del 20% deve venire in comune all'ufficio tributi perché dice io aderisco a questa cosa chiedo il 20%, siccome non sei il primo comunque stiamo studiando come poter razionalizzare la cosa però devo dire che parliamo di 350 persone che sono gli iscritti, quindi non è la tassa rifiuti ma è il compostaggio domestico, sicuramente se riusciamo a trovare il modo ma mi resta molto difficile evitare di farli andare giù per una cosa e quassù per un'altra, però capisci che sono due cose diverse.
PRESIDENTE: Il punto uno è esaurito.

PRESIDENTE: Punto 2 all'ordine del giorno approvazione verbali precedente seduta del 29.8.2011 dal numero 126 al numero 138, la votazione è aperta, la votazione sui verbali, consigliere Ottaviani siamo in fase di votazione quindi
CONSIGLIERE OTTAVIANI: solo una precisazione, il verbale che andiamo a votare è stato reso disponibile sul sito veramente pochi giorni fa, allora se, ed è l’ultimo dei verbali disponibili al momento e siamo indietro notevolmente sulla presa visione da parte nostra dei verbali successivi, ora il tempo che passa fra la messa in approvazione del verbale e la disponibilità del verbale stesso è abbastanza irrisoria quindi pretendere che in 4 giorni magari uno si legga il verbale per poi votarlo, allora siccome esiste un contratto in essere e c'è una specifica disposizione a proposito anche nel capitolato del contratto, che questo venga rispettato, perché oltre noi stiamo, abbiamo fatto diversi consigli senza approvare più verbali perché non erano disponibili, non è un problema della presidenza, quindi adesso andiamo a rimettere i verbali del 29 agosto dopo averlo tenuto su Internet per 4 giorni mi sembra abbastanza ridicolo il fatto che siamo chiamati a votarlo perché sicuramente sfido chiunque io ad ammettere di aver letto quel verbale, a me è capitato per caso ma io mi astengo come al solito ma perché non ho gli elementi sostanziali per votare né a favore né contro, quindi è ridicolo andare a votare se poi non si hanno e possiamo chiedere inoltre che i verbali di settembre siano sin da adesso a disposizione, grazie.
PRESIDENTE: Consigliere Ottaviani 4 giorni possono essere tanti e possono essere pochi, tenuto conto che si può portare gli argomenti all'ordine del giorno con 48 ore quindi voglio dire, comunque il verbale era stato comunicato prima che fosse mandato via l'ordine del giorno quindi 5 giorni, adesso io non ho capito perché 4
CONSIGLIERE OTTAVIANI: allora se è per questo il giorno di convocazione, dell’e-mail di convocazione del consiglio comunale nel sito non erano disponibili i documenti del consiglio perché io ricevuto l’e-mail da Bernabei precisa ma in quel giorno non era ancora attivo il collegamento per andare a vedere sul sito i documenti della giornata, ergo nessuno fa polemica ed io non ho sollevato alcun tipo di problema ma un conto è vedere un ordine del giorno un conto è leggere 350 pagine dei quali di un verbale, ora che tutti siano disponibili bene a farlo appena arriva però dico non siamo così ipocriti di andare a votare un atto che nessuno, già nessuno legge in più chi lo voleva leggere non ne ha avuto neanche la possibilità, allora a parte mia chiedo al presidente di far si che quanto disposto nel capitolato della trascrizione del verbale venga posto in essere, ed allora cambiamo l'intervento, grazie.
PRESIDENTE: Io posso prendere atto per le prossime volte però questa voglio dire ormai la votazione è aperta quindi io credo ed invito i consiglieri a, non esiste una regolamentazione perché, ma quello è il discorso per noi che la ditta, dopo però quanti giorni deve essere messo a disposizione dei consiglieri non esiste, non è detto, non è regolamentata, è regolamentata quando la ditta ce li deve dare a noi no quando a voi deve essere messo a disposizione del consiglio, va bene consigliere Ottaviani adesso questa mi sembra una polemica sterile, allora la votazione è aperta

PRESENTI

27

ASTENUTI

6

CONTRARI

5

FAVOREVOLI

16

ESITO

APPROVATO


PRESIDENTE: Hanno partecipato al voto 27 consiglieri; Voti validi 27; Astenuti 6: Urbani, Stroppa, D’innocenzo, Mezzopera, Ottaviani e Vergnetta; Contrari 5: Sforza, Bellucci, Tini, Carmenati e Latini; Favorevoli 16; i verbali della seduta del 29.8.2011, dal numero 126 al numero 138, sono stati approvati.

PRESIDENTE: Nella conferenza dei capigruppo il consigliere Rossi aveva fatto richiesta di anticipare il punto 10 all'ordine del giorno come primo punto da trattare nelle interpellanze, la conferenza dei capigruppo ha approvato però quindi il presidente mette in votazione l'anticipazione del punto 10 all'ordine del giorno, la votazione è aperta, la votazione è sull'anticipazione del punto 10 all'ordine del giorno concordato in sede di conferenza dei capigruppo, la votazione è aperta

PRESENTI

24

ASTENUTI

0

CONTRARI

2

FAVOREVOLI

22

ESITO

APPROVATO


PRESIDENTE: Hanno partecipato al voto 24 consiglieri; Voti validi 24; Astenuti: Nessuno; Contrari 2: Carmenati e Latini; Favorevoli 22; il punto 10 all'ordine del giorno è stato, è passato all'approvazione per l'anticipazione.
PRESIDENTE: Punto 10 all'ordine del giorno, interpellanza presentata dai consiglieri Rossi, Biondi, Gruppo Misto, sul disagio di alcuni cittadini circa la localizzazione dei cassonetti della raccolta differenziata, illustra il consigliere Rossi relaziona l'assessore Paglialunga.
CONSIGLIERE ROSSI: Grazie presidente, questa interpellanza che abbiamo scritto insieme al consigliere Biondi, deriva, deriva da un'esigenza diretta di alcuni cittadini che ce l'hanno manifestata e ce l'hanno appunto comunicata, non solo a noi perché hanno anche scritto articoli sui giornali, si sono costituiti in un comitato, ed hanno richiesto incontri all'amministrazione che poi non sono stati dati, non solo, ci sono, hanno messo anche degli avvocati, un avvocato, l’avvocato Grugnaletti che ha scritto anche lui stesso all'amministrazione comunale anche se non ha avuto risposta, l'interpellanza è a risposta orale e scritta anche perché questo problema della distribuzione della locazione dei cassonetti della raccolta differenziata sotto le finestre dei cittadini corrisponde ad un oggettivo disagio appunto delle famiglie, l'interpellanza è articolata secondo un premesso un considerate e poi delle richieste dirette che vengono fatte all'amministrazione, nella premessa si fa riferimento al fatto che la raccolta differenziata è uno strumento importantissimo nella gestione dei rifiuti di una comunità e questo va dato merito all'amministrazione comunale che rispetto sostanzialmente agli anni precedenti ha incentivato ed ha fatto crescere di molto la percentuale della raccolta differenziata nel nostro territorio, però è chiaro che ad un intervento diretto di questo tipo possono corrispondere dei disagi localizzati per gruppi di cittadini e questo è il caso appunto del comitato che i giornali hanno chiamato di via Campo Sportivo, che però è costituito con i nostri diritti, che ha presentato una segnalazione sul problema igienico sanitario direttamente all'Asur e l’Asur stessa ha risposto, nonché come ho detto prima la lettera dell'avvocato Grugnaletti all'amministrazione, ora è necessario risolvere questo problema in tempi rapidi anche perché è diventato ormai un problema di igiene e di salute pubblica, sull'interpellanza si chiedono 4 cose all'amministrazione, 4 domande all’amministrazione comunale, il primo è al fine di sapere quali sono precisamente le ordinanze sindacali che sono state fatte sulla locazione dei cassonetti, la seconda al fine di sapere perché l'assessore all'ambiente ha ritenuto di non dover ricevere i cittadini e se invece ha intenzione di farlo a breve, anche oggi stesso dato che qui ci sono dei cittadini appunto del comitato, al fine di sapere se in altre zone della città ci si sono verificate situazioni simili a quelle di via Campo Sportivo, poi il punto quattro che è quello più importante per sapere quali sono le soluzioni che l'amministrazione ha intenzione di mettere in campo per risolvere celermente il problema che questa parte per lo meno della cittadinanza sta vivendo, grazie.
PRESIDENTE: Assessore Paglialunga per la relazione.
ASSESSORE PAGLIALUNGA: Ringrazio il consigliere Rossi perché uno legge il giornale pensa mamma mia quanto è cattivo questo assessore riportiamo un po' le cose nell'ordine ma partiamo però da parte che credo sia necessario metterla sempre nella questione positiva, io credo che tutta la città di Fabriano si sia resa conto della necessità di fare la raccolta differenziata, Napoli ce l’ha insegnato forse in maniera pesante, drastica, ci ha portato a ragionare sul fatto che le discariche stanno finendo che sempre di più abbiamo il problema di una società che produce sempre più rifiuti e che quindi noi dobbiamo assolutamente trovare soluzioni, ci sono svariati tipi di soluzione, la soluzione adottata da questa amministrazione come la soluzione che ha adottato un po’ tutta la regione Marche, tutte quelle regioni che se mi permettete io considero virtuose, hanno scelto di non aprire altre ferite sul territorio ma invece di evitare di allargare le discariche cercando di ridurre il materiale portato in discarica, lo abbiamo fatto mettendo ancora una legislazione premiale che non è quella chi porta più ferro, chi porta più alluminio, chi porta più carta prende qualche soldo, che poi sono pochissimi, abbiamo fatto in maniera differente perché questo faceva sì che si arrivava più roba e magari i cittadini prendevano quei 30,00 € massimo all’anno, però noi allo stesso tempo poi pagavano di più di rifiuti perché dovevano portare, noi a quel punto avremmo dovuto portarli in discarica, allora abbiamo scelto un'altra strada quella del compostaggio domestico con un risparmio del 20%, abbiamo scelto quella dei pannolini e pannoloni per un risparmio di 1.500,00 € l'anno, abbiamo scelto quella dell’olio esausto la città di Fabriano è la seconda città della provincia come raccolta di olio esausto, dove se viene portata alla Coop, lo ricordo ancora a tutti i consiglieri e spero che la stampa lo riporti ancora una volta perché sono tutte cose che ai cittadini è giusto ricordargliele, se viene portato alla Coop, la Coop ti da un bidoncino per raccoglierlo e ti dà uno sconto sulla spesa quando glie lo riporti pieno, quindi tutta una legislazione che ci ha permesso di fare una scelta diversa data anche dal fatto che essendo partiti in ritardo noi con la raccolta differenziata, siamo stati tra gli ultimi comuni della provincia di Ancona nella raccolta differenziata, lei consigliere Rossi lo ricorda in questa interrogazione eravamo al 14,3% nella raccolta differenziata, qualcuno si dovrebbe vergognare di come ha lasciato questa città, oggi noi l'abbiamo portata al 50 e passa, si dovrebbe vergognare di cavalcare certe situazioni dopo che ci ha lasciato in condizioni pietose che ci hanno costretti a dover fare una rincorsa contro il tempo e qualcuno dice no perché non sa, ma basterebbe che va sul sito a vedersi le percentuali, oggi come stiamo andando? stiamo andando che ci stiamo impegnando con forza e tutti i cittadini di Fabriano vanno ringraziati, presidente richiamerei un po' di ordine in sala (voci) no perché non è possibile che qualcuno, io sto parlando con il consigliere Rossi, ed allora dicevo che noi abbiamo visto che comunque nonostante questo ci sono zone di difficoltà ne cito una perché la trovo abbastanza assurda visto che noi pensavamo che le difficoltà fossero state in quelle zone dove c'erano gli extracomunitari che magari avevano avuto più difficoltà nella spiegazione, nelle zone diciamo così notoriamente più difficili, invece per esempio posso dirvelo la zona dove la raccolta differenziata è fatta in maniera peggiore è via Seraloggia, dopo che sono passati gli informatori, dopo che abbiamo fatto un secondo giro con ve la rispieghiamo noi che sta passando via via nella città, questo significa che noi dovremmo operare al più presto a questo punto con i sanzionamenti perché questo delle sanzioni noi lo dobbiamo alle centinaia centinaia e centinaia di cittadini bravi che in questi anni si sono impegnati a fare la raccolta differenziata, l’hanno fatta bene ed hanno portato a casa il risultato che oggi Fabriano può vantare in breve tempo, martedì noi premieremo qui in questa aula dei condomini che si sono particolarmente distinti, che hanno fatto nei loro condomini delle particolari isole, le hanno ritagliate le hanno messe in ordine e stanno tentando di dare, oltre che una raccolta differenziata con percentuale lì oltre il 90%, oltre il 90%, hanno dato anche decoro alla città, premieremo questi condomini così come premieremo, mi piace dirlo qui, un ragazzo, che il vicolo che sta davanti a Latini, quel vicolo che va verso il Poio a sue spese lo ha ripulito dalle scritte che giornalmente li andavano a fare, lo ha anche riverniciato e lo ha ripulito a sue spese, credo che questi cittadini che non parlano di i nostri diritti ma anche dei nostri doveri credo che vadano premiati, che vadano premiati, venendo al punto c'è un ordinanza sindacale che dice con molta chiarezza alcune cose, questa ordinanza sindacale non è che una mattina il sindaco si è svegliato e l’ha fatta così, questa ordinanza sindacale riporta pari pari ciò che dice una direttiva europea che ognuno è responsabile del proprio rifiuto e quindi essendo ognuno responsabile del proprio rifiuto i rifiuti, come avviene a Fabriano, come avviene in Ancona, come avviene a Chiaravalle, come avviene a Jesi, come avviene praticamente in tutte le zone, devono essere, essendo ognuno responsabile del proprio rifiuto, sul suo suolo privato, questo è quello che riporta l'ordinanza sindacale ognuno sul suolo privato gestisce questa composizione come vuole, ora io non credo che sia compito dell'assessore andare a posizionare i cassonetti, non è compito dell'assessore perché abbiamo appaltato un servizio ad Ancona Ambiente una società che paghiamo, non è compito dell'assessore tantomeno andarli a posizionare, dentro, dentro il suolo privato, credo che questo sia un errore di fondo se si pensa che questa è ciò che si vuole dall'assessore, ora però nel momento che si è partiti con la raccolta differenziata noi sapevamo che problemi ci sarebbero stati, che questo avrebbe comportato difficoltà, che questo avrebbe comportato anche liti tra i condomini e l'assessore ha dato disponibilità ad Ancona Ambiente dovunque si fossero verificati dei problemi l'assessore era disponibile ad andare in prima persona, pensando, sperando che la sua presenza potesse comportare una composizione unitaria e soddisfacente del problema per cercare di risolvere la cosa, ripeto l'ho fatto perché sapevo che il problema sicuramente, essendo appunto partiti in ritardo abbiamo fatto tesoro degli errori degli altri, sapevo che questo sarebbe accaduto, credo che non ci sia cittadino, oggi qui ci sono 30 consiglieri comunali e svariati assessore, io sfido se qualcuno può dire che c’è un cittadino, un condominio, Ancona Ambiente, che ha chiamato l'assessore e l'assessore non c'è andato, io pago la cena a tutti se troviamo un cittadino che può dire di aver chiamato l’assessorato e non essere stato ricevuto, se qualcuno può dire che io non ho parlato con chiunque e sono andato a trovare soluzioni condominio per condominio, condominio per condominio, frazione per frazione, sono stato ultimamente anche a Grotte, a Grotte che quando è arrivati qualcuno ha detto ma chi è quello, è l'assessore, l'assessore a Grotte e chi li ha visti mai gli assessori, a Sant'Elia, (voci) allora io dico che, (voci) però non fai più l'assessore lo facevi a suo tempo, ora io dico se qualcuno invece di trovare soluzioni utilizza altri metodi, per tornare in politica, per farsi campagna elettorale, per fare altre cose, a questo se permettete l'assessore non ci sta anche perché non è proprio nato ieri e quindi non ci casca in queste cose, la vicenda come è avvenuta? con questo solo condominio in tutta Fabriano che non ha ancora trovato una soluzione, troviamo un articolo sul giornale e credo che l'avete letto non lo ripeto, l'assessore ha incontrato il comitato i nostri diritti, credo che si chiami così, il nome già un programma, se ve lo ricordate nella sala del sindaco, era sembrato trovarsi una composizione dopo poco tempo l'articolo ne è uscito un altro, sono andato, portato da un amico che abita in quel condominio, a vedere i cassonetti mentre stavamo cercando delle soluzioni alcuni condomini sono scesi chi strillando, chi invece in maniera costruttiva abbiamo parlato, tra l'altro alcuni di questi condomini hanno anche detto come viene fatta la raccolta differenziata li, tanto è che una signora, che non è giusto che qui citi il nome non gli ho chiesto l'autorizzazione, che abita li mi ha detto certo se qui la raccolta passa, c'è scritto, dalle 6 alle 8.30 e l'organico viene messo alle 9 e resta fuori tutto il giorno, soprattutto in questo periodo di caldo, è chiaro che vuol dire che è sbagliato il modo di fare la raccolta differenziata e questo ovviamente puzza, tanto è che infatti io ho visto l'esposto dell'avvocato Grugnaletti le firme non sono tutte quelle, perché parecchia gente mi ha detto che si è rifiutata, perché poi mi hanno telefonato anche altri mi hanno detto che si sono rifiutati di firmare questo, tra l’altro in quelle firme ho visto anche firme di gente che non abita in quel condominio e quindi torniamo al discorso di prima, cavalcare la giusta tante volte necessità dei cittadini di trovare composizioni migliori questo fa sì che è facile, io l'altro giorno ho fatto i complimenti l’ho ringraziato pubblicamente sul giornale perché nonostante le difficoltà sotto casa sua il segretario del PDL Ballelli ha evitato di fare polemica ma l’ha messa in maniera molto costruttiva sapendo che stiamo partendo, le difficoltà ci sono, piano piano come ho detto sempre a tutte le assemblee pubbliche, e ne abbiamo fatte tantissime dove non molti ne ho visti di quelli che oggi firmano questi appelli anzi credo di averne visto solo uno, ho detto di avere un po' di pazienza perché punto per punto andiamo a trovare le soluzioni. Noi sappiamo che questo paese è famoso, l'Italia è famosa, perché ha un livello di coscienza civica ce lo siamo detti tante volte molto basso, i cittadini italiani pensano sempre ai diritti e mai ai doveri ed io credo che noi possiamo risolvere tutti i problemi come lo abbiamo fatto, lo ripeto, in tutti i condomini in tutte le frazione di Fabriano, se però ci rendiamo conto tutti quanti che, 1 la raccolta differenziata è irrinunciabile, 2 insieme, insieme, possiamo risolvere i problemi parlando, insieme possiamo trovare le soluzioni se si parla differentemente noi invece facciamo solo polemiche sterili i problemi restano si incancreniscono le soluzioni non si trovano, John Fitzgerald Kennedy diceva non ti chiedere mai che cosa l'America può fare per te chiediti che cosa tu puoi fare per l'America ecco io credo che se in Italia incominciassimo un po’ a ragionare in questo modo forse le soluzioni le troviamo, forse le polemiche si sopiscono, forse i risultati si raggiungono.
  1   2   3   4   5   6   7   8   9


Verilənlər bazası müəlliflik hüququ ilə müdafiə olunur ©azrefs.org 2016
rəhbərliyinə müraciət

    Ana səhifə