Materia di tesi: Fisica Problemi di avviamento ad operativita’ di un impianto di compostaggio




Yüklə 491.79 Kb.
səhifə1/12
tarix30.04.2016
ölçüsü491.79 Kb.
  1   2   3   4   5   6   7   8   9   ...   12


UniversitÀ degli studi di bologna

facoltÀ di agraria

Dipartimento di Economia e Ingegneria Agrarie

Direttore: Prof. D. Regazzi

Corso di Laurea in Scienze Agrarie

Sezione di Ingegneria Agraria

Materia di tesi:

Fisica

Problemi di avviamento ad operativita’ di un impianto di compostaggio


Tesi di Laurea di: Relatore: Chiar.mo Prof.

Francesca Fedeli Gianfranco Veronesi


Parole chiave:

Compostaggio, Riciclaggio, Rifiuti organici, Biomassa, Agricoltura sostenibile.


ANNO ACCADEMICO 1997-1998

SESSIONE I

Nulla si crea,

nulla si distrugge,

tutto si trasforma.



Antoine Lavoisier
Prefazione
Vorrei ringraziare in questa sede coloro che hanno reso possibile con il proprio supporto, chi più chi meno e con modalità fra le più disparate, la realizzazione della mia tesi di laurea.

Grazie a tutti per l'alta soglia di sopportabilità dimostrata:

ai miei genitori; a Donatella e Luca; ai coinquilini Rasta e Su; ai compagni di corso; ad alcuni fra i docenti; agli amici di vecchia data.

Un ringraziamento particolare va a Cristiano e ad Anna.

La concretizzazione del progetto è stata possibile grazie alla collaborazione con l'impresa oggetto di studio, la Biofer di Boara Polesine (Rovigo).

Doveroso ricordare anche il sostegno del Centro studi e comunicazione ambientale Antartide: il progetto di questa tesi è stato infatti presentato durante il seminario "Tesi di laurea per rifiuti sostenibili", tenutosi a Bologna in data 4 Febbraio, 1998, con il patrocinio della Seabo e dell'Assessorato Ambiente e Sviluppo Sostenibile.

A Roberto, per il supporto tecnico e non solo.
Questa tesi è disponibile anche su Internet all'indirizzo:

http://www.geocities.com/Athens/Olympus/6001


Introduzione 1

1. Compost e compostaggio 3

1.1. Definizioni e contesti di applicazione 3

1.2. Fattori che incidono sull’andamento del processo 4

1.3. Tipologia dei materiali compostabili 6



1.3.1. Rifiuti verdi di diversa provenienza 6

1.3.2. Rifiuti organici provenienti da utenze selezionate 6

1.3.3. Frazione organica da raccolta secco/umido presso utenze abitative 7

1.3.4. Fanghi di depurazione urbani e industriali 7

1.3.5. Frazione organica dei RSU selezionata a valle della raccolta 8

1.4. Sistemi e impianti di compostaggio 8



1.4.1. Ciclo naturale di degradazione della materia organica 9

1.4.2. Sistemi aperti 11

1.4.3. Sistemi chiusi 13

1.4.4. Sistemi integrati 14

1.5. Metodiche analitiche e validità agronomica del compost 14



1.5.1. Metodi chimici 14

1.5.2. Metodi fisici 15

1.5.3. Metodi biologici e microbiologici 16

1.5.4. Metodi basati sulla determinazione delle sostanze umiche 17

2. Il percorso normativo 19

2.1. La normativa comunitaria 19

2.2. La normativa italiana 20

2.3. La normativa regionale 22

2.4. Certificazione di qualità ambientale 23

2.4.1. Certificazione del CIC 24

2.4.2. Certificazione dell’UNI 25

2.5. Il D.Lgs. 22/97 nel sistema italiano di gestione dei rifiuti 26

2.6. Le novità apportate dal Decreto Ronchi 27

2.6.1. Compostaggio 28

2.6.2. Fertilizzanti 29

2.6.3. Le regole per compostare 30

3. Il caso studio: la Biofer di Boara Polesine 33

3.1. Le problematiche nella fase di avviamento 33

3.2. Descrizione generale dell'impianto 34

3.3. Materiali e metodi 35

3.4. Risultati e discussione 36

3.4.1. Il controllo degli impatti olfattivi 36

4. Aspetti economici e di mercato del compost 39

4.1. Stato dell’arte del compostaggio in Italia 39

4.2. Il mercato del compost in Italia 40

4.3. Uso del compost nei diversi settori produttivi 41



4.3.1. Agricoltura in pieno campo 41

4.3.2. Silvicoltura 42

4.3.3. Floro-vivaistica 43

4.3.4. Settore del recupero e del ripristino ambientale 44

4.3.5. Settore dell’hobbistica 45

4.3.6. Pacciamatura 46

4.4. Prospettive per la collocazione del prodotto sul mercato 47

Conclusioni 49

Bibliografia 51

Appendici 57

Tabelle 59

Figure 69

Fotografie 79

Progetti 87

Introduzione

Alla luce della nuova normativa sul riciclaggio (D.Lgs. 22/97, ai più noto come “Decreto Ronchi”, e relativi aggiornamenti) ci si propone di evidenziare l’importanza che un sistema come il compostaggio sta assumendo in ambito nazionale, ma soprattutto nelle zone nordorientali dove più elevato é lo sfruttamento zootecnico.

Il fermento generato dall’aggiornamento del quadro legislativo ha indubbiamente favorito la diffusione di impianti per il trattamento dei residui organici volti alla realizzazione di concimi e ammendanti; questi processi sono già noti e negli ultimi anni, anche sotto la spinta dell’incremento delle cosiddette colture biologiche, si è assistito ad una vera esplosione della domanda dei concimi organici, in pratica ottenibili esclusivamente dal trattamento di tali residui.

In passato gli impianti di compostaggio hanno seguito un’evoluzione differenziata, fra quelli destinati al trattamento dei residui di origine zootecnica e quelli utilizzanti la frazione organica dei rifiuti solidi urbani (FORSU).

Nel contempo però si sono avuti pochi esempi di strutture per il trattamento dei fanghi da impianti di depurazione delle acque e, in ogni caso, caratterizzati da sensibili problemi di fermentescibilità e di mantenimento di livelli ottimali delle reazioni biologiche.

Per lo svolgimento di questa tesi è stato possibile seguire fin dall’inizio della sua attività un nuovo tipo di impianto di compostaggio, la Biofer di Boara Polesine (Rovigo), progettato per trattare tutte le tipologie di materiali sopra descritti.

La sperimentazione prevedeva la verifica dei processi di compostaggio sulle quattro platee, testando in continuità le temperature della massa in fermentazione e correlando tali valori con le caratteristiche chimico-fisiche dei materiali contenuti.

Fra gli obiettivi previsti, anche la “resistenza” del processo nei confronti di eventuali perturbazioni esterne (trattamenti antibiotici ecc.) e la risposta meccanica ed energetica dell’intero impianto (affidabilità delle macchine), in modo da riuscire a definirne i limiti di operatività.

Per ottemperare allo scopo di tutela ambientale, sono state pure sistematicamente testate le emissioni verso l’esterno, prima e dopo la realizzazione dei biofiltri, nonché l’impatto ambientale causato sia dai trasporti che dalle emissioni maleodoranti.

In conclusione, sono stati valutati anche gli aspetti economici e di mercato del prodotto ottenuto: anello finale di una catena che ci permette di dimostrare come la tecnica del compostaggio rappresenti oggi una valida soluzione per il recupero produttivo dei residui di natura organica, in quanto li trasforma in un prodotto stabilizzato, di elevato valore agronomico e facilmente gestibile.



  1   2   3   4   5   6   7   8   9   ...   12


Verilənlər bazası müəlliflik hüququ ilə müdafiə olunur ©azrefs.org 2016
rəhbərliyinə müraciət

    Ana səhifə