Lo stato di salute della popolazione del comune di san piero a sieve




Yüklə 99.32 Kb.
tarix25.04.2016
ölçüsü99.32 Kb.
LO STATO DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE DEL COMUNE DI SAN PIERO A SIEVE
Alessandro Barchielli, Antonella Ciani Passeri

Unità di Epidemiologia, Azienda Sanitaria di Firenze

Il presente rapporto presenta:


  • i dati demografici che hanno una influenza sullo stato di salute e sui bisogni sanitari della popolazione,

  • i dati di mortalità del quinquennio 2004-2008;

  • i dati di ricovero ospedaliero del quinquennio 2006-10;

  • la speranza di vita alla nascita della Zona-distretto Mugello dell’anno 2008.

Per mortalità e ricoveri ospedalieri si è deciso di presentare i dati aggregati, relativi all’ultimo quinquennio disponibile, per ridurre i fenomeni di variabilità casuale dovuti alla ridotta dimensione della popolazione residente nel comune e nel contempo per presentare dati sufficientemente aggiornati.



QUADRO SINTETICO DEI DATI DEMOGRAFICI E SANITARI

San Piero a Sieve


Il comune presenta sia sotto il profilo demografico che sanitario una situazione sostanzialmente analoga a quella della Zona-distretto Mugello, con l’eccezione della bassa presenza di residenti di cittadinanza non italiana e del basso tasso di natalità.


Zona-distretto Mugello*



Speranza di vita alla nascita leggermente inferiore ai valori medi regionali, comunque tra i valori più elevati a livello internazionale.
Mortalità generale in entrambi i sessi, e mortalità prematura nei maschi, tendenzialmente superiore alla media regionale.
Mortalità per tumori gastrici superiore della media regionale (dato “storico” che persiste tuttora).
Tassi di ricovero ospedaliero per malattie circolatorie e per cardiopatia ischemica superiori alla media regionale (maschi).


(*) da Profilo salute SdS

1. Dati demografici
Al 31/12/2009 risultavano residenti a San Piero a Sieve 4.143 persone (6,2% della popolazione della Zona-distretto (tabella 1). La popolazione residente, dopo un periodo di sostanziale stazionarietà, ha mostrato una tendenza all’aumento negli ultimi anni, in particolare dopo il 2004 (figura 1). Tale andamento è sovrapponibile a quello del Zona-distretto Mugello, ed è dovuto, al solo contributo del flusso migratorio. Infatti, in entrambi i casi, il saldo migratorio (differenza tra immigrati ed emigrati) risulta ampiamente positivo e tale da sopravanzare il saldo naturale (differenza tra nati e deceduti) negativo, producendo un saldo totale positivo (tabella 2). Questi andamenti demografici sono analoghi a quelli osservati per l’intera Asl 10, anche se è da segnalare la maggior positività del saldo migratorio del Mugello e di San Piero.

La presenza di residenti di cittadinanza non italiana a San Piero è viceversa molto inferiori ai dati medi della Zona-distretto Mugello) e della Asl 10 (2009: rispettivamente, 10,6, 87,0 e 104,5 per 1.000).




Tabella 1. Popolazione residente al 31/12/2009 nella nei comuni della Zona-distretto Mugello

Residenza

Maschi

Femmine

Totale

Barberino di Mugello

5379

5410

10789

Borgo San Lorenzo

8707

9216

17923

Dicomano

2801

2825

5626

Firenzuola

2459

2478

4937

Londa

943

908

1851

Marradi

1652

1685

3337

Palazzuolo sul Senio

617

605

1222

San Godenzo

652

634

1286

San Piero a Sieve

2048

2095

4143

Scarperia

3783

3880

7663

Vicchio

4108

4092

8200

Zona-distretto Mugello

33149

33828

66977





Tabella 2. Movimento della popolazione, dati medi del periodo 2001-2009, per 1.000 residenti





S. Piero a Sieve

Zona-distretto

Mugello

ASL Firenze

Saldo naturale

-2,7

-2,0

-2,4

Saldo migratorio

14,7

14,6

8,5

Saldo totale

12,0

12,6

6,1



Gli ultra 64enni rappresentano poco più del 20% dei residenti di San Piero, valore inferiore leggermente al dato medio della Zona-distretto Mugello, e più marcatamente rispetto al dato medio della Asl 10 e della Toscana (tabella 3). L’indice di vecchiaia (rapporto tra il numero di residenti 65+ anni e quello di 0-14 anni per 100) di San Piero (nel 2009: 153,8) è analogo a quello del Mugello e inferiore a quello della Asl 10 e della Toscana (figura 3).

Il tasso di natalità (numero nati per 1.000 residenti) di San Piero, dopo un andamento simile a quello delle altre aree, ha mostrato una tendenza alla progressiva riduzione negli ultimi 4 anni. Pertanto nel 2009 ha raggiunto il valore minimo di 5,0 nati per 1.000, inferiore sia a al dato medi regionale e della Asl 10 (in entrambe le aree casi 8,7 nati per 1.000) e del Mugello (9,6 nati per 1.000).



Tabella 3. Presenza di ultra 64enni, % totale residenti. Confronto 1995 e 2009

Area

Maschi (%)

Femmine (%)

Totale (%)

1995

2009

1995

2009

1995

2009

San Piero a Sieve

15,6

16,6

22,1

24,2

18,9

20,4

Zona-distretto Mugello

18,5

19,2

23,9

24,1

21,2

21,7

ASL 10 Firenze

18,3

21,0

24,3

26,7

21,5

24,0

Regione Toscana

18,1

20,3

23,7

26,0

21,0

23,2




2. Mortalità1
In complesso, nei 5 anni esaminati, si sono verificati 219 decessi. Il numero ridotto di decessi giustifica la necessità una analisi su più anni aggregati, e la presentazione di dati riferiti al totale di maschi più femmine (tabella 4).

Considerando i tassi standardizzati per età, una misura statistica che consente di effettuare confronti tra popolazioni diverse eliminando l’influenza di una eventuale diversa struttura per età2, osserviamo che la mortalità per tutte le cause non presenta differenze statisticamente significative rispetto al Mugello, alla Asl 10 ed alla Toscana. Analizzando le principali cause di morte non si osservano eccessi significativi rispetto al Mugello, mentre rispetto alla Asl 10 ed alla Toscana si hanno eccessi significativi (^) nella mortalità per tumore dello stomaco e per cause accidentali e traumatiche. L’analisi disaggregata per genere mostra che nelle donne non si osservano eccessi significativi per nessuna causa, mentre nei maschi si registra un eccesso significativo per il tumore della stomaco in confronto con ASL e Toscana.




Tabella 4. Numero di decessi e tassi di mortalità del periodo 2004-08


Causa di morte

San Piero a Sieve

Confronto di San Piero a Sieve vs.

Decessi

(n°)

Tasso

grezzo

Tasso

Standard

Mugello

ASL 10

Toscana

Tutte le cause

219

1097,8

1065,6

=

=

=

Cardiopatia ischemica

31

155,4

155,4

=

=

=

Malattie cerebrovascolari

29

145,4

131,5

=

=

=

Malattie del sistema circolatorio

83

416,1

396,5

=

=

=

Traumatismi ed avvelenamenti

19

95,2

94,3

=





Tumore del polmone

15

75,2

84,8

=

=

=

Tumore dello stomaco

16

80,2

78,2

=





Tumori

59

295,8

301,8

=

=

=


3. Ricoveri ospedalieri3
Vengono presentati i dati di “primo ricovero” del periodo 2006-20104. Nel complesso nel periodo esaminato si sono ricoverati in ospedale 1.645 pazienti residenti a San Piero. I tassi di primo ricovero per tutte le cause non presentano differenze statisticamente significative rispetto al Mugello, alla Asl 10 ed alla Toscana. Analizzando le principali cause di ricovero non si osservano eccessi significativi rispetto al Mugello ed alla Toscana, mentre rispetto alla Asl 10 si ha un eccesso significativo (^) di ricoveri per le malattie cerebrovascolari in entrambi i sessi. L’analisi stratificata per genere non mostra nessun eccesso significativo.



Tabella 5. Numero di pazienti ricoverati e tassi di primo ricovero del periodo 2006-10


Cause di ricovero

San Piero a Sieve

Confronto di San Piero a Sieve vs.

Ricoverati

(n°)

Tasso

grezzo

Tasso

Standard

Mugello

ASL 10

Toscana

Cardiopatia ischemica

90

4,4

4,5

=

=

=

Malattie cerebrovascolari

98

4,8

4,8

=



=

Malattie del sistema circolatorio

348

16,9

17,1

=

=

=

Tumore del polmone

15

0,7

0,8

=

=

=

Tumore dello stomaco

13

0,6

0,7

=

=

=

Tumori

235

11,4

11,9

=

=

=

Tutte le cause

1645

80,0

80,8

=

=

=



4. La speranza di vita alla nascita5
La speranza di vita alla nascita rappresenta un importante indicatore utilizzato a livello internazionale per valutare in maniera sintetica lo stato di salute generale della popolazione, e riflette oltre al livello della assistenza sanitaria, aspetti più generali legati ai livelli socio-economici e delle condizioni generali di vita. Per la ridotta dimensione della popolazione di San Piero il calcolo di tale indice non si presta, da un punto di vista statistico, ad essere calcolato sui dati comunali. Riteniamo più opportuno presentare il dato della intera Zona-distretto Mugello, che par la maggior dimensione della popolazione studiata presenta una maggiore affidabilità. Poiché i dati sanitari e demografici presentati in precedenza non hanno mostrato particolari differenza tra il comune di San Piero a Sieve e l’intero Mugello, riteniamo che il dato medio della Zona-distretto sia indicativo anche della situazione del comune in studio.

Nel Mugello la speranza di vita alla nascita ha raggiunto, nel 2008, 79,3 anni nei maschi e 84,5 anni nelle femmine. I valori di tale area hanno mostrato un progressivi trend crescente nel periodo esaminato con un aumento di 3,5 anni negli uomini e di 3,1 anni nelle donne. I valori del Mugello sono leggermente inferiori ai valori della Asl 10 e della Toscana sia negli uomini (rispettivamente 80,1 e 79,7 anni) che nelle donne (rispettivamente 85,1 e 84,8 anni). Complessivamente comunque tali valori si collocano tra i livelli più elevati osservati a livello internazionale.




1 Vengono presentati i dati raccolti dal Registro di Mortalità Regionale (ISPO – Regione Toscana) ed elaborati dalla Agenzia Regionale di Sanità della Toscana. I tassi standardizzati per età sono stati calcolati utilizzando come standard la popolazione toscana al 2000.

2 Questa procedura statistica si rende necessaria poiché la struttura per età di una popolazione è il principale determinante (non modificabile) dei livelli di mortalità in grado di oscurare l’eventuale effetto di altri fattori.

3 Vengono presentati i dati raccolti dal flusso regionale delle Schede di Dimissione Ospedaliera elaborati dalla Agenzia Regionale di Sanità della Toscana. I tassi standardizzati per età sono stati calcolati utilizzando come standard la popolazione toscana al 2000.

4 I dati relativi al “primo ricovero” sono stati ottenuti raggruppando i ricoveri di uno stesso paziente sulla base di un codice identificativo regionale anonimo derivato dal codice fiscale. Tale indicatore valuta il numero di soggetti che si sono rivolti, per una data patologia, ad una struttura di cura almeno una volta nel periodo in esame, eliminando dall’analisi gli eventuali ricoveri ripetuti. Da un punto di vista epidemiologico tale misura approssima meglio la frequenza dei malati nella popolazione rispetto ai più tradizionali tassi di ospedalizzazione.


5 La speranza di vita alla nascita indica il numero di anni che in media si aspetta di vivere una persona nata in uno specifico anno.





Verilənlər bazası müəlliflik hüququ ilə müdafiə olunur ©azrefs.org 2016
rəhbərliyinə müraciət

    Ana səhifə